Pinibook

Menu

Invasione di asini a Licata, Onofrio Triglia: “Ci penso io!”

 FAI QUESTO SCHERZO



Licata – Ha dell’apocalittico quello che è accaduto in città nella giornata di ieri: 300 asini provenienti dalle campagne circostanti hanno fatto il loro ingresso tra le mura della città quando il sole si era da poco levato.

Al risveglio, le reazioni dei cittadini che si erano sporti dalle finestre sono state diverse: tra i più felici vi erano i bambini, gli adulti, invece, assistevano preoccupati perché la viabilità veniva inevitabilmente compromessa di minuto in minuto.

Chi non sembrava curarsene più di tanto fu il signor Pino Impensión, stimato anziano di origini sudamericane, che quella mattina decise di andare alla bocciofila in netto anticipo, con l’intento di allenarsi in vista del torneo estivo. La situazione precipitò all’improvviso: quando il signor Pino mise piede sul selciato, tentò di farsi strada tra i mammiferi, ma gli asini lo aggredirono e lo uccisero.

La tensione era fortissima, la guerra alle porte. Occorreva un miracolo.

Ognuno nasce con un talento, sta agli uomini riconoscerlo e valorizzarlo. E la storia che segue redime Onofrio Triglia da una campagna diffamatoria durata anni. “Lascialo stare, Onofrio è un asino”. I compagni tentavano così di emarginarlo già alle scuole elementari a causa di un comportamento che denotava, a loro giudizio, stupidità e sciocchezza miste a una immotivata allegria. L’isolamento fu completo alle superiori. “Asino, asino, asino!” gli gridavano in coro mentre passava per i corridoi.

Quando Onofrio si svegliò, sentì quel grosso baccano che però piano piano cominciava ad assumere una consistenza acustica più definita, una vaga riconoscibilità nelle orecchie. Onofrio scoprì se stessa comprendere quello strano linguaggio – “Capisco la lingua d’asino e riesco a parlarla” esultava festante – e si riversò sulla strada dove subito cercò di convincere le oche ad abbandonare la città in cambio di due anni di fornitura di mangime gratis. Gli asini avrebbero accettato solo se Onofrio fosse andato a vivere con loro e fosse diventato la loro sindacalista. Ripudiato dagli uomini, Onofrio , asino tra gli asini, ha trovato la sua felicità.



 CONDIVIDI

Il contenuto di questa pagina è una falsa-notizia. Le immagini sono state tratte da internet e non fanno alcun riferimento all'articolo in oggetto. Il protagonista dell’articolo è vittima di uno scherzo. Se sei la persona interessata e vuoi rimuovere la pagina faccelo sapere tramite l'apposito form di segnalazione. In alternativa, ti preghiamo di attendere 7 giorni affinchè questa pagina venga automaticamente eliminata dai nostri sistemi. Buon scherzo, Pinibook.

 Fai questo scherzo ad un amico 



oppure compila il modulo sottostante






  Ho letto l'informativa sulla Privacy e accetto il trattamento dei dati personali

Fai questo scherzo ad un'amica  

COMMENTA

Il sito PINIBOOK.COM raccoglie una serie di articoli personalizzabili ideati ad hoc per intrattenere l’utente. L’intento è quello di creare “scherzi” personalizzati da condividere sui maggiori social networks. Il sito non dispone di una testata giornalistica a tutti gli effetti ed ha unica ed esclusiva finalità di intrattenimento. Sul sito sono presenti annunci pubblicitari, anche se posizionati in modalità poco invasiva per l’user experience. Il contenuto dei test può fare riferimento a fatti e/o persone in modo totalmente casuale e, talvolta le vicende descritte sono verosimili. Il sito non presenta contenuti per adulti, è infatti pensato per ogni targhet di utenza. I contenuti degli articoli possono affrontare salute e benessere, integratori e supplementi alimentari, accessori per palestra e fitness, strategie dietetiche e dimagranti, accessori per la casa ed il giardinaggio, consigli per acquisti online, buoni sconto nei migliori e-commerce, strategie di trading online sicure sulle migliori piattaforme, nozioni bancarie base in campo finanziario per investire denaro nel modo ottimale, iscrizioni a forex per grandi guadagni con conoscenza approfondita delle opzioni binarie e del trading. Vi auguriamo una buona permanenza sul nostro sito. Per informazioni e segnalazioni potete contattarci senza alcun problema alla e-mail seguente: info@wzeta.it Grazie!